Cyberspazio, il primo luogo per la religione in Rete

Cyberspazio è un termine mutuato dalla letteratura cyberpunk: William Gibson lo utilizzò la prima volta nel 1984 nel romanzo Neuromancer, dove il protagonista – Case Laney – veniva privato della capacità di connettersi al cyberspazio, rimanendo isolato nella prigione di carne del suo corpo materiale. Nella descrizione di Gibson, il cyberspazio era una dimensione parallela a quella reale, uno spazio organizzato attraverso una rete di computer collegati che permettevano al protagonista (che viveva in una scatola di cartone nei bassifondi della metropolitana di Tokyo) di viaggiare in Matrix e mettere a frutto le sue discutibili qualità.

In questa definizione di cyberspazio sono sottolineati due aspetti importanti, soprattutto in ottica religiosa. Il primo è che il cyberspazio è un nuovo tipo di luogo che non ha posizione nello spazio fisico ma che ha comunque una ‘geografia’ e dei punti di riferimento. Il secondo, invece, evidenzia la funzione di strumento del cyberspazio inteso come mezzo per viaggiare, per andare da qualche parte nel non-luogo che Nicole Stenger, pioniera delle arti figurative nella realtà virtuale, definì come il mondo di Oz, «c’è, ci arriviamo, ma non ha una collocazione» (Stenger 1991, p. 53).

Nel 1998 la studiosa di etnografia digitale Annette Markham pubblicò Life Online: Researching Real Experience in Virtual Space  dove sostenne che «per alcuni, Internet è semplicemente un mezzo di comunicazione utile, uno strumento; per altri, il cyberspazio è un luogo dove andare per stare con gli altri. Per altri ancora, la comunicazione online è parte integrante dell’essere ed è inseparabile dalla rappresentazione di sé, sia online che offline.» (p. 20). Per questi utenti il cyberspazio diventa luogo dove poter esprimere il proprio sé  come se le loro menti fossero separate dal corpo e all’interno del computer, creando ed esprimendo se stessi attraverso l’astrazione del nuovo linguaggio.

Il sociologo inglese Kevin Robins ha sottolineato nell’articolo “Cyberspace and the World we Live in” (1995) come il cyberspazio offra una “protezione psichica” contro gli stimoli della realtà, e le forme più intense di questa possono essere psicotiche o narcisistiche. Brenda Brasher, studiosa americana di teologia ed etica sociale, nel suo Give Me That Online Religion (2001) indica il cyberspazio come una finzione, una idea astratta, non come un luogo ma come il tempo in cui coloro che comunicano per mezzo di computer credono e agiscono come se effettivamente stessero credendo e agendo. Pur essendo una svolta bizzarra, il cyberspazio è inteso come una «componente dominante del paesaggio del XXI secolo. I pionieri della religione online […] trovano nel cyberspazio un segno vitale del trascendente» (p. 186).

Non è un caso, dunque, che l’8 febbraio del 1996 i monaci buddhisti del monastero di Namgyal a Ithaca nello stato di New York, decisero di benedire il cyberspazio con un rituale contenuto nel Kālacakratantra ‘adattandone’ alcune parti (come la foto del mandala scansita e trasferita in Rete) e recitando un mantram. La cerimonia durò circa trenta minuti alla presenza di tre monaci.

PER SAPERNE DI PIÙ

Brasher. B. (2001) Give Me That Online Religion. Rutgers University.

Højsgaard, M. T., & Warburg, M. (A c. Di). (2005). Religion and Cyberspace. Routledge.

Markham, A. (1998). Life Online. Researching Real Experience in Virtual Space. Altamira Press.

Robins K. (1995), Cyberspace and the World We Live In. Cyberspace, Cyberbodies, Cyberpunk. Cultures of Technological Embodiment SAGE Publications.

Stenger, N. (1991). Mind is a Leaking Rainbow. Cyberspace First Steps. MIT Press, pp. 48–57

7 Comments

  1. Giovanni4119
    11 Febbraio 2024 - 23:33

    The Beatles – легендарная британская рок-группа, сформированная в 1960 году в Ливерпуле. Их музыка стала символом эпохи и оказала огромное влияние на мировую культуру. Среди их лучших песен: “Hey Jude”, “Let It Be”, “Yesterday”, “Come Together”, “Here Comes the Sun”, “A Day in the Life”, “Something”, “Eleanor Rigby” и многие другие. Их творчество отличается мелодичностью, глубиной текстов и экспериментами в звуке, что сделало их одной из самых влиятельных групп в истории музыки. Музыка 2024 года слушать онлайн и скачать бесплатно mp3.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

top